Le strutture di accoglienza

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza dal Colle Gran San Bernardo a Piacenza

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza da Piacenza a Lucca

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza da Lucca a Siena

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza da Siena a Roma

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza "pellegrina" in Svizzera

Scarica l'elenco completo dell'accoglienza "turistica" in Svizzera

Visualizza tutte le schede delle strutture

Apri la mappa interattiva e visualizza tutte le strutture

 

Accoglienza

Lungo il percorso della Via Francigena sono disponibili sia strutture di accoglienza "pellegrina" a basso costo (strutture religiose, ostelli, foresterie), sia strutture di accoglienza "turistica" (alberghi, B&B, agriturismo, ecc.).

L’organizzazione delle strutture di accoglienza lungo la Via Francigena non è capillare ed economica come lungo il Cammino di Santiago. Anche se la situazione continua a migliorare, è bene organizzarsi in anticipo, identificando in ogni tappa una struttura ricettiva adeguata alle proprie esigenze.

Tenete conto che spesso i luoghi di accoglienza dispongono di pochi posti letto. Vi suggeriamo di prenotare presso le strutture turistiche, mentre non è necessario per quelle “pellegrine”. Tuttavia è bene avvisare almeno un giorno prima, specificando l'orario di arrivo, poiché spesso i custodi dei rifugi non vivono in prossimità della struttura e senza preavviso si può rischiare di trovare i locali chiusi. 

Il prezzo medio per una notte nei rifugi per i pellegrini non supera quasi mai i 20 Euro (minimo 10, massimo anche 25 euro per ostelli più “turistici”), ma esistono strutture (soprattutto religiose) che accolgono i pellegrini “a offerta”.

In molti casi il concetto di offerta è applicato alla lettera, e quindi ognuno può lasciare quello che può o che ritiene giusto; in altri casi viene richiesta un’offerta minima, conviene quindi informarsi al telefono prima dell’arrivo. In ogni caso tenete conto che le strutture di accoglienza a offerta sopravvivono solo grazie alla generosità dei pellegrini, e anche se la struttura è pubblica e ci lavorano dei volontari le spese di gestione sono importanti.

Quasi tutte le strutture di accoglienza pellegrina sono riservate ai viandanti muniti di credenziale, che è quindi un documento indispensabile per chi vuole affrontare il cammino. È possibile accedere alle schede delle strutture sia dagli elenchi seguenti sia direttamente dalla mappa interattiva, attivando il livello "Strutture di accoglienza".

Vi consigliamo di memorizzare dove si trova il luogo del pernottamento rispetto al percorso: a volte può essere piuttosto lontano per chi viaggia a piedi o in bicicletta! Potete anche crearvi l'elenco delle strutture in cui volete dormire utilizzando la guida personalizzata.

All'interno del sito le strutture sono state nominate sulla base della tappa del percorso lungo cui sono situate (se il nome comincia con VF01 si riferisce alla prima tappa della Francigena, ecc.)

Accoglienza pellegrina

L'accoglienza pellegrina è quasi sempre in camerate, con letti a castello e bagni in comune. 

- Via Francigena Nord

- Via Francigena Sud

Accoglienza turistica

Il nostro elenco comprende solo le strutture turistiche che hanno manifestato particolare interesse ad accogliere chi viaggia lungo la Via Francigena. Ci sono moltissime altre strutture non elencate, che possono essere trovate in genere nei siti di promozione turistica di Province e Regioni.

- Via Francigena Nord

- Via Francigena Sud

Campeggio

In Italia è possibile campeggiare solo nelle aree appositamente attrezzate, il campeggio libero in genere è vietato lungo tutta la Via Francigena.

Luoghi di ristoro

Scopri qui ristoranti, pizzerie, trattorie, pasticcerie, panetterie, bar e altri punti di ristoro, lungo il percorso.

Il menu del pellegrino

Sempre più strutture propongono una proposta di menù specifica per i pellegrini, a prezzi interessanti (attorno ai 12-15 euro si consuma un pasto con primo, secondo e bevande). È bene chiedere quali siano i ristoranti convenzionati agli operatori delle strutture che vi ospitano. Alcuni ostelli concedono ai pellegrini l’uso della cucina.